Calabria a sud dell’anima

Maddalena Cipriani, insegnante di inglese e spagnolo con la passione per la scrittura e i viaggi, ha realizzato un’opera sulla nostra terra dal titolo “Calabria a sud dell’anima”. L’abbiamo intervistata per parlarci di questa sua splendida iniziativa.

Annunci

Innanzitutto complimenti per l’iniziativa, il nostro territorio ha bisogno di essere raccontato da più punti di vista. Ma partiamo dal principio, come nasce la tua passione per i viaggi?

Sono nata e cresciuta in una piccolissima borgata di campagna, dove ho trascorso una infanzia bucolica in compagnia del cielo e dei prati. Negli eterni pomeriggi estivi da sola, ho iniziato a coltivare i miei sogni di viaggio. Crescendo, ho fatto sempre tutto il possibile per rimanere connessa con “il mondo là fuori”. A diciotto anni ho preso il mio primo aereo per Edimburgo e da lì non mi sono più fermata. Credo molto nella potenza salvifica di un viaggio fatto con profondo abbandono e apertura mentale e credo nella non fatalità degli incontri.  

Com’è nata, invece, l’idea di un libro sulla Calabria?

Dopo ogni viaggio, normalmente faccio lunghi post sui social oppure lunghe mail agli amici per raccontare le sensazioni e le esperienze che ho vissuto finché ero via. Questa volta, ho deciso di condividere con un pubblico più ampio perché il viaggio è stato molto particolare. Sono partita subito dopo che hanno aperto i confini regionali dopo i lunghi mesi di quarantena primaverili… tutto era ancora incerto e il timore che si richiudesse immediatamente era sugli occhi di tutti. Questo viaggio ha toccato non solo le corde dello spostamento geografico, ma anche quelle dello spostamento nell’anima. Partire a giugno è stato come ritornare a fidarsi del mondo, delle persone, del prossimo. Non potevo tenere tutto questo solo per me…

Di che cosa parla, in sostanza, il tuo libro?

La storia è narrata in prima persona e si presenta come un diario di viaggio ambientato tra giugno e luglio 2020. La protagonista decide di partire in treno per una vacanza sulla costa tirrenica della Calabria. Il suo intento è quello di trovare un po’ pace e di serenità dopo i mesi di dubbio e di incertezze della quarantena, la perdita del lavoro e la fine della sua relazione a distanza per colpa della chiusura dei confini internazionali a causa della pandemia. Giorno dopo giorno, si sposta sia geograficamente che dentro di lei, tra passato e presente, con riflessioni sulla sua vita attuale e flashback relativi alla sua infanzia. Nel percorso fa varie tappe, partendo da Scalea, scendendo lungo la costa e passando da Diamante, Paola, Pizzo e Zambrone fino ad arrivare a Tropea. In ogni cittadina, oltre a vedere per la prima volta scorci nuovi, incontra persone con cui condivide momenti divertenti e momenti di introspezione: si tratta di altri turisti o, più frequentemente, di calabresi del posto. Questi ultimi, in particolare, si rivelano importanti compagni di viaggio per i loro racconti legati alla storia locale o per le loro sincere riflessioni sulla difficoltà di vivere in una terra dominata dall’ndrangheta. I loro dialoghi sono sempre caratterizzati da curiosità reciproca e dalla volontà di andare oltre le barriere delle convenzioni sociali. Ciascuno lascia all’altro consigli ed esortazioni a trovare la propria strada e la propria serenità, anche nel difficile contesto sociale del Covid.

A Pizzo fa una tappa più lunga di tutte le altre, approfondendo così la conoscenza con il giovane proprietario del bed and breakfast, Samuele. Insieme vivono dei momenti intensi che trovano la loro esplosione in una sera di temporale sul mare. Arrivano a consegnarsi uno all’altra senza mai toccarsi, perché tutto avviene tramite lo sguardo.

Durante il viaggio, la protagonista legge il libro “Le coordinate della felicità”: in vari punti vengono riportate citazioni del romanzo, che per lei rappresentano continui spunti di riflessione. Proprio grazie alla lettura del libro, il nono giorno di viaggio, mentre si trova in spiaggia a Tropea, ha una illuminazione sul senso della sua ricerca e comprende che ciò che l’ha spinta a partire non è solo la necessità di ripulirsi dalla pesantezza della quarantena e di tutto quello che ha comportato, ma qualcosa di molto più profondo. Comprende che è arrivato il momento di dedicarsi alla vita in modo coraggioso, pieno e passionale e che il suo destino non può dispiegarsi senza che lei metta in atto passi concreti per la realizzazione dei suoi sogni.

Così, decide di prendere il biglietto per tornare a casa due giorni dopo, per dedicarsi a quello che la aspettava da sempre…

Bellissimo! Ancora complimenti, hai colto appieno lo spirito della Calabria, dimostrando che, come diceva Dostoevskij, “la bellezza salverà il mondo”, ma secondo te quanto può influire la bellezza della natura e di una terra come la nostra nell’animo umano?

Moltissimo. Vedere la luce del sole per lunghe giornate, sentire l’aria che profuma di mare, percorrere lunghi litorali in silenzio, a piedi. Vedere le onde del mare, sentire il loro sciabordio, riempirsi gli occhi di blu e di orizzonti vasti… tutto questo è molto di più che un semplice panorama, questa è una cura per la mente e per l’anima. Se si riesce a spegnere la macchina dei pensieri dominanti e ad immergersi nella bellezza della natura, tutto può accadere, tutto. Anche rischiare di realizzare dei sogni nel bel mezzo di una crisi mondiale… tutto dipende dalle frequenze sulle quali ci si sintonizza.

Quando uscirà il libro?

Il libro si trova in una campagna di crowdfunding. Cosa significa? L’editore ha apprezzato il racconto e ha deciso di metterlo in lancio. Se in 100 giorni totali il libro riesce a raggiungere duecento preordini, sarà reso edito e disponibile in tutte le librerie e anche on-line, altrimenti rimarrà disponibile e stampato solo in tiratura limitata. Questo è il link alla campagna: Calabria a sud dell’anima – bookabook.

Se i nostri lettori volessero ordinarlo, quando lo riceveranno?

La versione intera del libro ancora non editato è già disponibile, viene inviata subito dopo aver effettuato l’acquisto. Infatti, dopo il pre-ordine si riceve una mail con un link alla fine per poter fare il download di tutto il libro! Quindi, è possibile leggerlo fin da subito! Ovviamente, per poter ricevere la versione editata, si dovrà attendere l’autunno, quando bookabook finirà tutto il processo di revisione, di impaginazione, di grafica e di stampa.

Allora incrociamo le dita e chiediamo a tutti i calabresi di aiutarti in questa tua avventura, lo meriti tu e lo merita la Calabria.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: